52 deputati francesi contro la repressione degli indipendentisti catalani eletti in Spagna

Mentre i separatisti catalani sono ancora incarcerati in Spagna, 52 deputati francesi esprimono preoccupazione in un appello e chiedono di allentare le tensioni.

Questa è l’appello di 52 deputati francesi (di cui 7 della Francia d’Oltremare) che sono preoccupati per la repressione dei catalani eletti in Spagna:

Per molti mesi, la situazione dei politici catalani continua. Sappiamo che la controversia è acuta sullo status della Catalogna e sul futuro della Spagna, misuriamo la solennità delle questioni e la nostra intenzione non è di interferire in questo dibattito. Ecco perché abbiamo aspettato fino alle scadenze delle elezioni per esprimerci. Oggi, vogliamo semplicemente esprimere la nostra preoccupazione e disapprovazione per ciò che ci sembra essere una violazione delle libertà fondamentali e dell’esercizio della democrazia.

 

Il dibattito politico non può essere risolto dalla repressione

 

A causa delle loro scelte politiche, per aver voluto organizzare un voto, i funzionari eletti sono incarcerati, esiliati e rischiano di essere condannati a pesanti pene detentive. Il rispetto delle regole istituzionali è una cosa, ma riteniamo che il dibattito politico non possa essere deciso dalla repressione, dagli attacchi ai diritti delle persone, da una forma di offesa dell’opinione. Come molte voci in Spagna e altrove, chiediamo la pacificazione delle tensioni e la fine di misure arbitrarie che colpiscono i rappresentanti eletti di suffragio universale.

L’appello  ha suscitato forti reazioni in Catalogna in particolare. Ma il primo ad attingere a questo delicato argomento è stato Manuel Valls. L’ex primo ministro francese nato a Barcellona rimane nella linea che si è prefissato: “Non esistono repressioni o prigionieri politici ma funzionari pubblici che si sono liberati dalle regole costituzionali desiderando separare la Catalogna dal resto della Spagna. Questi deputati non sono consapevoli della realtà di un paese vicino e amico, il che è spaventoso “.

Tra i firmatari i deputati corsi di Pè a Corsica: Jean-Félix Acquaviva, Michel Castellani e Paul-André Colombani 

Elenco dei firmatari:

Jean-Félix Acquaviva (LT, Haute-Corse), Sophie Auconie (UDI, Indre-et-Loire), Clémentine Autain (FI, Seine-Saint-Denis), Huguette Bello (GDR, La Réunion), Ugo Bernalicis (FI, Nord), Pascal Brindeau (UDI, Loir-et-Cher), Moetai Brotherson (GDR, Polynésie), Alain Bruneel (GDR, Nord), Marie-George Buffet (GDR, Seine-Saint-Denis), Michel Castellani (LT, Haute-Corse), André Chassaigne (GDR, Puy-de-Dôme), Jean-Michel Clément (LT, Vienne), Paul-André Colombani (LT, Corse-du-Sud), Éric Coquerel (FI, Seine-Saint-Denis), Alexis Corbière (FI, Seine-Saint-Denis), Pierre Dharréville (GDR, Bouches-du-Rhône), Jeanine Dubié (LT, Hautes-Pyrénées), Frédérique Dumas (LT, Hauts-de-Seine), Jean-Paul Dufrègne (GDR, Allier), Elsa Faucillon (GDR, Hauts-de-Seine), Caroline Fiat (FI, Meurthe-et-Moselle), M’jid El Guerrab (LT, Français établis hors de France), Régis Juanico (PS, Loire), Sébastien Jumel (GDR, Seine-Maritime), Manuéla Kéclard-Mondésir (GDR, Martinique), Bastien Lachaud (FI, Seine-Saint-Denis), Jean-Christophe Lagarde (UDI, Seine-Saint-Denis), François-Michel Lambert (LT, Bouches-du-Rhône), Michel Larive (FI, Ariège), Jean-Paul Lecoq (GDR, Seine-Maritime), Jean-Luc Mélenchon (FI, Bouches-du-Rhône), Paul Molac (LT, Morbihan), Jean-Philippe Nilor (GDR, Martinique), Danièle Obono (FI, Paris), Bertrand Pancher (LT, Meuse), Mathilde Panot (FI, Val-de-Marne), Stéphane Peu (GDR, Seine-Saint-Denis), Sylvia Pinel (LT, Tarn-et-Garonne), Loïc Prud’homme (FI, Gironde), François Pupponi (LT, Val-d’Oise), Adrien Quatennens (FI, Nord), Jean-Hugues Ratenon (FI, la Réunion), Muriel Ressiguier (FI, Hérault), Fabien Roussel (GDR, Nord), Sabine Rubin (FI, Seine-Saint-Denis), François Ruffin (FI, Somme), Maina Sage (UDI, Polynésie), Gabriel Serville (GDR, Guyane), Bénédicte Taurine (FI, Ariège), Philippe Vigier (LT, Eure-et-Loir), Hubert Wulfranc (GDR, Seine-Maritime), Michel Zumkeller (UDI, Territoire de Belfort).

I tre deputati corsi di Pè a Corsica: Colombani, Castellani e Acquaviva

Fonte: L’Independant